ACQUISIZIONI NEL SETTORE LEISURE PER IL GRUPPO ITALIANO LEADER NELLE FOTOTESSERE

Dedem si scalda per I' Aim

Il Mediocredito Italiano (Intesa Sp) finanzia la campagna acquisti. L'obiettivo è la quotazione. Nel piano triennale nuove aperture nei centri commerciali: saranno 25 nel 2021

Destinazione borsa: la stra­da sembra già segnata per Dedem, gruppo italiano guidato dall' ad Alberto Rizzi, che sta crescendo a colpi di acquisizioni nel settore delle macchine per fototessere, e ora anche in quello degli spazi gioco nei centri commerciali.

L'ultima operazione è appena andata in porto con l'affiancamento del Mediocredito Italiano (Intesa Sanpaolo ), che ha finanziato l'acquisto di Happy Center Service, azienda che gestisce spazi ludici per bambini: ne conta circa 1.800, e di questi 1.400 installati in 300 centri commerciali su tutto il territo­rio nazionale. La dote che por­terà a Dedem è funzionale allo sbarco all' Aim, con ricavi annui per circa 8,5 milioni e un Ebitda di circa l milione. Il piano a tre anni prevede l'apertura di 12 nuovi grandi locali Leisure, aree dedicate realizzate all'interno di centri commerciali, che entro fine 2021 arriveranno a 25.

L' ope­razione è strutturata e gestita dal direttore finanziario del gruppo, Paolo Monte, coadiuvato dallo Studio Monte & Partners, assistito da Filippo Calciano come advisor finanziario e dallo Stu­dio Lombardi Segni e Associati come advisor legale, Per Dedem rappresenta un ulteriore passo verso l'obiettivo di portare il gruppo sul listino nell'arco dei prossimi tre anni. Mediocredi­to Italiano aveva già assistito finanziariamente Dedem nel management bu y out di un anno fa e nella recente acquisizione di Photo Plus. L'ingresso nel segmento Leisure è sostenuto da un'analisi di mercato che di­mostra la maggiore redditività e le migliori prospettive di cre­scita all'interno del gruppo.

Nel 2017 questa voce rappresentava solo l' 11 % del fatturato, ma il tasso di crescita annuo si è rive­lato di oltre quattro volte quello del totale ricavi di Dedem, attesi per il 2018 a oltre 75 milioni di euro dai 64 milioni del 2017.
Le previsioni di sviluppo indicano un tasso di crescita annuo del 7% nei prossimi cinque anni, dato sostenuto dall'andamento positivo del comparto in Italia. Oggi il valore totale del mercato italiano del tempo libero è di 25 miliardi circa, e la spesa media che gli italiani gli dedicano è salita a 1.600 euro l'anno, circa il 10% della spesa media pro ca­pite. (riproduzione riservata)

Quotazioni, altre news e analisi su www.milanofinanza.it/ dedem

Alberto Rizzi