Con il D.L78/2015, anche l’Italia adegua il documento di identità agli standard internazionali di sicurezza.

La Carta d’identità elettronica  (CIE), infatti, si inserisce nel sistema di emissione di supporti elettronici adottato per contrastare la contraffazione e la clonazione dei documenti.

Ai 199 comuni che hanno già avviato la prima fase, dal 26 aprile 2017 se ne sono aggiunti altri 350.

La seconda fase vedrà, in tempi brevi, la copertura totale di tutto il territorio italiano.

La Legge stabilisce in maniera circostanziata i parametri cui è soggetto il documento e la foto da applicare.

Per agevolare il lavoro dell’Ufficio Anagrafe dei Comuni, la DEDEM ha realizzato un sistema che permette di ottimizzare sia il processo di acquisizione che la qualità delle foto destinate alla Carta d’Identità Elettronica.

booth-installation

Sono un’ Amministrazione, cosa devo fare per ottenere il servizio FOTO CIE?

Per gli UFFICI ANAGRAFE d’Italia, nei quali è già presente la cabina fototessera, DEDEM mette a disposizione GRATUITAMENTE il servizio FOTO CIE.

Per gli UFFICI ANAGRAFE non ancora provvisti della cabina fototessera, DEDEM offre la sua INSTALLAZIONE GRATUITA.

Chiama il nostro Ufficio FOTO CIE o invia una mail per avere tutte le informazioni necessarie:

Ufficio FOTO CIE

tel.: 06-69357911

e-mail: cie@dedem.it

L’attuale processo di acquisizione foto

Scansione della foto cartacea

Attraverso l’uso di uno scanner digitale, l’addetto del Servizio Anagrafico procede con la scansione della foto, la quale poi viene centrata e successivamente caricata nel sistema CIE.

Caricamento della foto da pendrive

L’utente si presenta all’Ufficio Anagrafico con una foto  memorizzata su un supporto digitale USB. Nella maggior parte dei casi, però, la foto non rispetta i criteri di validazione imposti dalla normativa ICAO e dal sistema CIE e, di conseguenza, l’addetto del Servizio non può inserirla nella pratica.

Sistema attuale Vs Sistema FOTO CIE

Il servizio FOTO CIE sviluppato da Dedem consente di acquisire la foto già validata secondo i parametri ICAO previsti dal Progetto Cie, il quale si pone l’obiettivo di ‘‘incrementare i livelli di sicurezza dell’intero sistema di emissione della Carta di Identità sia attraverso la centralizzazione della personalizzazione del supporto sia attraverso un adeguamento delle caratteristiche del medesimo ai più avanzati standard internazionali di sicurezza in materia di documenti ’’ (Ministero dell’Interno).

tabella

Il flusso del nuovo processo

Dalla cabina fototessera DEDEM alla consegna della carta d’identità elettronica, pochi semplici passi per garantire: rispetto delle norme, efficienza dell’Amministrazione, maggiore produttività dell’Ufficio, risparmio di tempo e denaro, soddisfazione dell’utente.

processo

L’innovazione del digitale

Le cabine fototessera DEDEM sono in grado di verificare che le foto rispettino le normative internazionali ICAO e nazionali CIE ed una volta fatto ciò caricano le foto in formato digitale su un server.

COLUD-STORAGE

Cosa deve fare il cittadino

Nella stampa rilasciata al cittadino dalla Cabina fototessera Dedem, è presente un codice, sia a barre che alfanumerico, univoco.

E’ sufficiente presentare la stampa all’operatore del Servizio Anagrafico del Comune il quale, attraverso l’acquisizione del codice presente sulla foto cartacea, potrà scaricare istantaneamente dal server la corrispondente foto digitale, conforme alla normativa ICAO, dimensionata in accordo ai criteri della normativa CIE e pronta per essere inserita nel documento e nella pratica.

municipio

Cosa deve fare l’operatore CIE

Attraverso il codice Foto Digitale, l’operatore del Servizio Anagrafico può, in tempi rapidi e con operazioni molto semplici, scaricare la foto già convalidata ICAO e inserirla nella pratica evitando tutto il procedimento di ritaglio, scansione, posizionamento, ecc.
Risparmio del tempo e maggiore produttività.

Scarica l’informativa completa

pdf-icona

municipio-2